domenica 26 febbraio 2012

A Transsexual Tale

It is said that in record companies, there is a sort of manual of the pop song which many pop stars secretly use. Following by heart the advices of this book, you can compose the perfect pop song. A perfect pop song  must consist of the following elements: Intro, verse, bridge, refrain, and still the second verse, the second bridge, the second refrain, special and in the end, the final refrain.The intro, as the word itself tells you, introduces the verse, it creates the atmosphere and often refers to the notes that will built the refrain . The verse, however, must create the right tension and stable base on which the refrain will blow up. We come then to the bridge. It tells you the word itself, it is a bridge between the verse and the refrain, moving the tension built up during the verse, to the resolution that will occur during the refrain. Then finally arrives the refrain, also known as the chorus, which is the climax of the song, the one where the previous accumulated tension will explode.A special note for the special, what is usually sandwiched between the two final choruses. It would be a sort of musical variation, often also accompanied by the solo (guitar, horns etc..) not to make too monotonous for the final part of the song.The manual strongly recommends that the refrain must arrive by a minute otherwise the song  will never be passed on the radio.

No car ever passes in the morning in that road, while, during the night, it happens that many of those pass there. Sooner or later someone always comes near the curb. That is the time when the bargaining takes place.

In the control room of the building that he had to watch,the night watchman compacted in his uniform, was strumming his acoustic guitar desperately seeking melodies to put inside his songs. For inspiration, he was constantly peering the cameras that framed the entire perimeter outside the building where there was going on, like every night, a parade of street fashion. Blatantly rigged and dressed in the most imaginative ways, dozens of transvestites were walking on the sidewalk like it was a catwalk. Near Both sides of it, the audience was there, instead of sitting on chairs as in a real fashion show, they were on the cars.
 " And while you were walking in the street, I watched you still..."
The night watchman sang  to himself, thinking it would be a good phrase to put in the text of one of his songs.Then while striving to make music, his vision focused on one of viados who abandoned the show to go into the car of one of the public.
 "And you with your indefinite sex escaped with me..."
The night watchman sang to himself, thinking it would be a good phrase to put in the text  of  one of his songs.
"But now let’s do the damn music .."
He whispered.

With heavy eyes, in the early morning,he  took off the uniform, placing it carefully in his locker along with the acoustic guitar. He was about to close it again when he noticed the presence of a fairly conspicuous wisp of blond hair on the shoulder of his jacket.
 "The hair I have left you on my jacket."
He  sang to himself as he closed the closet, thinking it would be a good phrase to put in the text of one of his songs. He cursed against those who seemed to purposely create the traffic to slow down  his rest. Once home, a murmur of voices and a faint smell of crisp coffee from the kitchen made him  stop for a moment to think only about music.
- Is that you? - exclaimed a female voice.
Looking out, his face visibly beaten he quickly kissed a blonde woman in a bathrobe sipping a cup of coffee while watching TV.
- Honey have you slept a little bit?
- You know that I have to stay awake or I would be fired. Anyway I played the guitar.
-  I wonder how you can do it? I should drink to stay awake liters of coffee, while you only need music,  just that.
- Normal people use coffee to stay awake at night, but I use the music.
He thought before going to bed it would be a good phrase to put in the text of a song. Half asleep, then he strove to develop the music.

The car after wandering for a long time away, at last came to the curb. The cross came to bargain.
- Hello darling.
- How much do you want?
- 30 for a blowjob, 50 for fucking.
- Where are we going?
- I know a place near here, shall we go?
- Okay let's go.

Second Strofe
At lunchtime, as usual he woke up with an empty head, annoyingly clear of songs. When he awoke with that feeling of emptiness, he always felt very sad. He was desperately looking for a catch-phrase to put in vain in the text of a song but nothing ever came up to his mind. But the worst thing ever were his insights on his status as a songwriter who to survive, was a security guard and never finished writing his songs. In fact the problem was that he began to compose or rather loads of beautiful phrases to put in his songs came up to his mind  but then the music was always missing. He used to waste a long time instead to emulate his idols in front of the mirror, especially certain pop stars, one above all the king of pop: Michael Jackson. He admired his skill in dancing and of course his songs, all complete of music and text luckily. He used to sing them  in front of the bathroom mirror, often trying to imitate his most famous dance step: the Moonwalk.

Second Bridge
With heavy eyes early in the morning he took off his uniform, carefully placing it in the cupboard along with the acoustic guitar.He was about to close it again when he realized of that strong perfume, coming out of his jacket.
 "The scent that you left me on my jacket.."
 He sang to himself, as he closed the closet, thinking it would be a good phrase to put in the text of a song. He cursed again this time against those who seemed to create traffic specifically to delay his rest, and as usual coming home the indistinct murmur of voices mingled with the usual crisp smell of coffee made him stop thinking for a moment only to the music. Then there was the sight of that woman who was sipping coffee and watching the tv. Same dialogue between the two, same kisses bestowed, the same phrase uttered to close the talk. It would be a good phrase to put in the text of a song, but how about the music?

Second Refrain
The car after wandering for a long time away, at last came to the curb. The cross came to bargain.
- Hello darling.
- How much do you want?
- 30 for a blowjob, 50 for fucking.
- Where are we going?
- I know a place near here, shall we go?
- Okay let's go.

She thought  he was lying to her. The stress produced working at nights, the obsession with the music, the truth was that he was cheating on her . One day his jacket adorned with hair of a different color from her, another day his jacket impregnated with a perfume different from hers. All clues that made her think  that he was cheating on her. Now she just wanted to discover who she was.One night she decided to follow him by car to his place of work . That night she saw him take a path completely different from the usual, arriving at a certain point on a street where the sidewalks were populated by androgynous creatures commonly called transexuals. She saw him picking up on his car one of them and then go and park in a dark corner of the road. She could not see very well but some unmistakable movement of people made her understand  what kind of activity was taking place inside the car. She was now determined to catch him but she did not have time because all of a sudden, the car door opened, letting the trans take possession of his piece of sidewalk next to another one. She saw them  talking amiably, and the one who had just got out of the car looked  particularly happy. She saw her dancing, pointing to the steps of the typical dance in the film that made Michael Jackson famous in  Moonwalker. Seized by  sad curiosity, she decided to approach by car to the curb to see them better. She stared them in the face and they stared back. The one who was dancing, in particular, hit her attention.

Final Refrain
The car, after wandering for a long time in the street, finally approached the sidewalk. One the two trans came to bargain but did not have time to say anything because the car drove off quickly.
- Jeez Look at that! And I think she was a woman. Is she stupid?
- Don’t make a fuss! Maybe you weren’t his type! Anyway have you seen how I dance the moonwalk with high-heeled shoes? Do you want me to teach it to you?

mercoledì 22 febbraio 2012

Trans Favola Pop

Si narra che in ambiti discografici, esista una sorta di manuale della canzone pop, da molte pop stars segretamente adoperato. Seguendo a menadito i consigli infallibili di questo libro, è  possibile  comporre la  canzone pop ideale. Una canzone pop perfetta  per essere tale, deve essere costituita dai seguenti elementi: Intro, strofa, bridge, inciso, e ancora seconda strofa, secondo bridge, secondo  inciso, special e inciso finale. L’intro, lo dice anche il termine stesso, è il momento che introduce alla strofa, quello che crea l’atmosfera e spesso accenna lievemente alle note che faranno da inciso. La strofa ha il compito di creare la tensione giusta e la base stabile sul quale far esplodere l’inciso. Arriviamo quindi al bridge che ha il delicato compito di fare da ponte appunto tra la strofa e l’inciso, trasportando la tensione accumulata durante la strofa, verso la risoluzione che avverrà durante l’inciso. Si arriva infine all’inciso, detto anche ritornello, ovvero il momento culminante della canzone, quello in cui la tensione precendentemente accumulata esploderà. Una nota a parte lo merita il cosidetto special, quello che solitamente viene infilato tra i due ritornelli finali. Trattasi di una sorta di variazione musicale, spesso accompagnata anche dall’assolo  (di chitarra, fiati ecc.) per non rendere troppo monotona la parte finale della canzone. Il manuale si raccomanda vivamente che l’inciso arrivi entro il minuto altrimenti la canzone non verrà mai passata in radio.

Non passa mai nessuna automobile al mattino su quella via, mentre la notte ne passano tante e succede sempre che qualcuna prima o poi si accosti al marciapiede. Proprio allora avviene la contrattazione.

Nella sala controllo del palazzo che doveva sorvegliare, costipato nella divisa da metronotte, l’uomo strimpellava la sua chitarra acustica alla disperata ricerca di melodie da mettere all’interno delle sue canzoni. Per trarre ispirazione, scrutava continuamente le telecamere che inquadravano tutto il perimetro esterno dell’edificio dove come ogni notte era in atto una sfilata di moda di strada. Truccate vistosamente e vestite nelle maniere più fantasiose, dozzine di trans camminavano sul marciapiede come fosse una passerella. Ai lati di esso, si trovava il pubblico che invece di stare seduto composto sulle sedie, come alle vere sfilate, lo era sulle automobili.
“ E mentre tu sfilavi in strada, io fermo ti osservavo.. ” mormorò tra sè e sè l’uomo, pensando  che sarebbe stata una bella frase da mettere nel testo di una sua canzone. Poi mentre si sforzava di fare la musica, la sua vista si concentrò su una delle modelle che abbandonava la sfilata per entrare dentro l’auto di uno del pubblico.
 “ E tu col tuo sesso indefinito fuggivi assieme a me.. ” mormorò tra sè e sè, pensando che sarebbe stata una bella frase mettere nel testo di una sua canzone.
“ Ora però facciamo questa dannata  musica..”

Con gli occhi pesanti, al mattino presto, si spogliò dell’uniforme, ponendola accuratamente nel suo armadietto assieme alla chitarra acustica. Era sul punto di richiuderlo quando si accorse della presenza di un ciuffo abbastanza vistoso di capelli biondi sulla spalla della sua giacca.
“ I capelli che mi hai lasciato tu sulla mia giacca..” mormorò tra sè e sè mentre richiudeva l’armadietto, pensando che sarebbe stata una bella frase da mettere nel testo di una sua canzone. Imprecò contro coloro che sembravano creare il traffico appositamente per ritardare il suo riposo. Giunto a casa, un brusìo di voci indistinte e un nitido odore di caffè provenienti dalla cucina, lo fecero smettere per un attimo di pensare solo alla musica.
- Sei tu?- esclamò una voce femminile.
 Affacciandosi, con il volto visibilmente sbattuto, elargì velocemente i suoi baci ad una donna bionda in vestaglia che sorseggiava una tazzina di caffè mentre guardava la tv.
- Hai dormito un’po’ amore?
- Lo sai che devo restare sveglio altrimenti mi licenziano. E poi ho suonato.
- Ma io mi chiedo come fai? Io per restare sveglia la notte dovrei bere litri di caffè, tu invece basta che suoni.
- La gente normale adopera il caffè per restare sveglia di notte, io invece uso la musica.
Pensò, prima di coricarsi che sarebbe stata una bella frase da mettere nel testo di una sua canzone. Nel dormiveglia si sforzò di elaborare la musica.

L’auto dopo aver girovagato a lungo per la via, si accostò finalmente al marciapiede. La trans si avvicinò per contrattare.
- Ciao tesoro.
- Quanto vuoi?
- 30 di bocca, 50 scopare tesoro.
- Dove andiamo?
- Conosco un posto qua vicino,andiamo?
- D’accordo andiamo.

Seconda Strofa   
All’ora di pranzo come suo solito si risvegliò con la testa vuota, fastidiosamente sgombra di canzoni. Quando si risvegliava con quella sensazione di vuoto, si sentiva sempre molto triste. Cercava invano di pensare a qualche frase ad effetto da mettere nel testo di una sua canzone e non gli veniva in mente mai nulla. Ma la cosa peggiore erano le sue riflessioni sulla sua condizione di cantautore che per sopravvivere faceva la guardia giurata e  non terminava mai di scrivere le sue canzoni. Cioè in realtà il problema era che non cominciava mai a comporle  o  meglio gli venivano in mente tante belle frasi da mettere nei suoi testi  ma poi non ci faceva mai la musica sopra. Perdeva tempo invece  ad emulare davanti allo specchio i suoi idoli, in particolar modo certe pop stars, una su tutte: Michael Jackson. Del re del pop  ammirava la sua abilità nel ballare e ovviamente  le sue canzoni, tutte complete per fortuna di musica e testo. Le cantava sempre di fronte allo specchio del bagno, cercando spesso di imitare il suo passo di danza più celebre: il Moonwalk.

Secondo Bridge
Con gli occhi pesanti al mattino presto si spogliò dell’uniforme, ponendola accuratamente nell’armadietto assieme alla chitarra acustica. Era sul punto di richiuderlo quando si accorse di quel profumo forte, femminile, proveniente dalla sua giacca.
“ Il profumo che mi hai lasciato tu sulla mia giacca..” mormorò tra sè e sè mentre richiudeva l’armadietto, pensando che sarebbe stata una bella frase da mettere nel testo di una sua canzone. Imprecò anche stavolta contro coloro che sembravano creare il traffico appositamente per ritardare il suo riposo e  giunto a casa il solito brusìo di voci indistinte, frammisto al solito nitido odore di caffè, lo fecero smettere di pensare per un attimo solo alla musica.  Poi avvenne la vista di quella donna che sorseggiava il caffè e guardava la tv. Lo stesso dialogo precendemente illustrato, gli stessi baci elargiti e alla fine la stessa frase pronunciata per chiudere quel dialogo. Sarebbe stata una bella frase da mettere nel testo di una sua canzone, ma la musica quando l’avrebbe fatta?

Secondo Inciso
L’auto dopo aver girovagato a lungo per la via, si accostò finalmente al marciapiede. La trans si avvicinò per contrattare.
- Ciao tesoro.
- Quanto vuoi?
- 30 di bocca, 50 scopare tesoro.
- Dove andiamo?
- Conosco un posto qua vicino,andiamo?
- D’accordo andiamo.

Pensò che erano tutte scuse. Il logorìo fisico e mentale che alla lunga produceva il lavoro di metronotte, l’ossessione per la musica, la verità era che la tradiva. Un giorno la sua giacca adornata da capelli di un colore diverso dal suo, un altro impregnata di un  profumo femminile diverso dal suo. Tutti indizi che ormai l’avevano portata a pensare che  la tradisse con un’altra. Ora  mancava solo di scoprire chi fosse. Una sera si decise a seguirlo con l’auto fino al suo posto di lavoro. Lo vide fare un percorso completamente diverso dal solito, arrivando ad un certo punto in una strada sui cui marciapiedi stavano quelle creature dal sesso indefinito, comunemente chiamate transessuali. Esterrefatta lo vide far salire sulla sua auto una di loro per poi andarsi a parcheggiare in un angolo buio della via. Non riuscì a vedere bene ma alcuni movimenti inequivocabili di persone che si spogliavano le fecero capire che genere attività stesse avvenendo dentro la vettura. Si era ormai decisa a coglierlo sul fatto ma non fece in tempo poiché, ad un tratto, la portiera dell’auto si aprì, facendo uscire colei che andò a riprendere possesso del suo pezzo di marciapiede accanto ad un’ altra sua simile. Le vide cominciare a conversare amabilmente, quella appena scesa dall’auto pareva particolarmente felice. Vide che ballava, accennando i passi di quel ballo tipico che faceva Michael Jackson nel film  Moonwalker. Spinta da una triste curiosità, decise accostarsi con l’auto al marciapiede per vederle meglio. Le scrutò attentamente in volto e loro scrutarono lei. Quella che danzava attrasse, in particolar modo, la sua attenzione.

Inciso finale
L’auto, dopo aver girovagato a lungo nella via, si accostò finalmente al marciapiede. Una delle due trans si avvicinò per contrattare ma non fece in tempo a dire nulla perché l’auto ripartì velocemente.
- Ma tu guarda questa! Era pure una donna! Ma è scema?
- Non ti arrabbiare magari non eri il suo tipo!Piuttosto hai visto come faccio il moonwalk con i tacchi? Vuoi che te lo insegno?

giovedì 26 gennaio 2012

The Emasculated

In the morning Jed woke up tired but al last he had decided: he was going to be emasculated. His friends who admired him unconditionally, because of his reputation as a callous womanizer, tried to dissuade him in every way.
- Are you sure you are not doing something stupid?
- No guys,I have made up my mind , I want to stop once and for all to betray my girlfriend with other women. To keep faith with this commitment, the only way is to have it cut.
His explanation did not satisfy  at all, rather they got upset even more, thinking it was a shame. One who can make love to three women, in three different places, in one night could not end his career like that. Emasculated.
- But you won’t be able to do it anymore ...not even with your girlfriend!
- Well, we have not done it for a long time.  She is not interested in sex and I would love to be like her. For this reason I am resolute, I have an appointment tomorrow morning at 10 with a renowned specialist who works in a private clinic in vogue for this type of operations.
His friends did not protest anymore seeing their myth adamant.

Next  morning, Jed showed up on time at the front desk of the clinic. They made him wait until an older man dressed in a white coat and looking very friendly,approached him.
- Nice to meet you I am the surgeon- said the old man with a good natured tone - I wanted to ask you some questions before going through the operation.
- Why do you want to do it?
- Why do you care? - Jed blunt.
- Son, every person who comes here to be emasculated,  he only does it for a very specific reason. I do not care about your private life but I want to know your real motivation.
Jed remembered how some of his friends, when they wanted to ask him a favor they used to offer him some grass to subdue him. The doctor gave him the same feeling. For this he decided to explain himself.
- I‘m doing it because I’ve got tired of betraying my girlfriend. She loves me and I love her too. Unfortunately I can not give up sleeping with other women. She suffers, but she will not let me go and I feel guilty.
- Does she know you came here?
- No ,she doesn’t.
- Why do you not call and ask her what she thinks about it  before doing something so extreme?
- Do you think it would be a good idea?
- I say it would be a good idea to call her.
Completely at the mercy of his words so much so that if he had asked he would have done it by himself, Jed called. The phone rang in vain that no voice responded from the other side.
- Look, she is not answering and anyway  I have made up my mind. We have given up doing it for ages, a clear sign that she hasn’t been very keen on sex for a long time and from now on I won’t be interested  myself anymore.
The old doctor didn’t try to dissuade him anymore, indeed he decided to hospitalize him immediately in order to work shortly thereafter.

A few hours later Jed awoke in a bed inside a large white room. He felt strange in the lower groin as if something was missing. He saw around him as he and other young people were waking up looking around bewildered.
- Hey man are you awake?
A weak voice was calling him on his right.
- Yes - Jed replied and then turned around looking at him near his bed.
- Have you emasculated yourself too?
- Yes and you?
- So am I.
- I assume that everyone in this room have been emasculated. Am I wrong?
-No, you are right.Do you want to know why I did it?
The silence of Jed persuaded the emasculated to continue his explanation.
- I have personally done it as a proof of love for my girlfriend who told me that I should show her  my repentance after I regretted that I had been caught in bed with another.
That explanation, though not required,comforted Jed. Then he was not the only one.
- And you?
- I had the same exact reason.
- Well then,everything is solved.I guess that you will be forgiven after this act.
Caught by an unexplained anxiety, Jed nodded with his head almost imperceptibly. He then waited for a few seconds,just the time to relax from his party who continued to stare at him while waiting for their conversation to continue.
- Will you excuse me a moment? I have to make a call! - Said Jed
- Ok - replied the emasculated.
He dialled the number of the girl on the keyboard of his mobile phone and waited. Even now it rang empty. He rested his head on the pillow and then closed his eyes, feigning sleep. Trying not to be seen, taken under the sheet to press the green button of his phone, he redialled the last number called to the bitter end. He fell asleep doing this.
An indefinite time passed, which seemed to Jed he was dreaming the same sound over and over again. A kind of melody that is repeated ad infinitum, and that is closer and closer. He opened his eyes and realized that he was not dreaming. That was music he had heard hundreds of times, like the ringing of a phone. A busy chatter of female voices was heard behind the door of the room, making it quite arousing. Jed woke up and immediately after the door opened, letting the doctor who had operated in together with a large group of girls. Every one weeping or laughing, approached the bed of some emasculated. Among these, there was Jed’s girlfriend. With shining eyes and pale she went towards the bed where Jed was lying accompanied by the surgeon . Drying her tears with a handkerchief, gently began to speak.
- Honey I saw that you were calling me but I told you not to waste the call. How are you?
- Well thanks – answered Jed - so you know?
- I know that you have repented and that you have done it for me, not to betray me again. So I forgive you for all those times you did it.
Jed wanted to embrace his girlfriend and thank her for having forgiven him but all that came out was a silly smile accompanied by an avalanche of thanks.
- You don’t have to thank me darling, besides I want to ask you a small favour!
- Anything for you love!
- From now on as you cannot do it anymore, I hope you won’t mind if I sleep with other men. Of course it will be just sex, I will always love only you

domenica 22 gennaio 2012

L' Evirato

Jed quel mattino si svegliò male,ormai aveva deciso: si sarebbe fatto evirare. I suoi amici che lo ammiravano in maniera incondizionata, per via della sua fama di incallito sciupafemmine, tentarono di dissuaderlo in ogni modo.
- Sei sicuro? Ma non starai facendo una cazzata?
- No ragazzi ho deciso che voglio smettere una volta per sempre di tradire la mia ragazza con altre donne. Per mantenere fede a questo impegno, l’unica maniera è di farmelo tagliare.
La sua spiegazione non li soddisfece per nulla, anzi essi si intristirono ancora di più, pensando che fosse davvero un peccato. Uno in grado di fare l’amore con tre donne, in tre posti diversi, in un'unica notte non poteva finire la sua carriera così. Evirato.
- Ma così non potrai più farlo…neanche con la tua ragazza!
- Tanto con lei non lo facevo più da tempo. A lei non interessa il sesso ed io vorrei tanto diventare come lei. Per questo ormai ho deciso, ho già preso appuntamento domani mattina alle 10 con un rinomato specialista che opera in una clinica privata molto in voga per operazioni di questo tipo.
Gli amici non protestarono più vedendo il loro mito irremovibile.

L’indomani mattina Jed si presentò puntuale alla reception della clinica. Lo fecero attendere  fino a che  un signore anziano vestito con un camice bianco e dall’aria davvero cordiale, non gli venne incontro.
- Sono il chirurgo eviratore- disse il vecchio con tono bonario – Ti volevo fare qualche domanda prima di operare.
- Prego?
- Perché vuoi farlo?
- Che importanza può avere per lei saperlo?- rintuzzò Jed.
- Figliolo ogni persona che viene qui per evirarsi, lo fa per una motivazione ben precisa. Non mi interessa conoscere la tua vita privata ma solo conoscere la tua reale motivazione.
Jed si ricordò di certi suoi amici che quando volevano chiedergli qualche favore particolare lo facevano fumare prima, per ammansirlo un pò. Il medico eviratore gli fece la stessa impressione. Per questo decise di spiegarsi.
- Lo faccio perché mi sono stancato di tradire la mia ragazza. Lei mi ama e anche io amo lei. Purtroppo non riesco a smettere di andare al letto con altre donne. Lei ci soffre ma non mi lascia e io mi sento in colpa.
- Lei lo sa che sei venuto qui?
- No.
- Perché non la chiami e non le chiedi cosa ne pensa prima di fare un gesto così estremo?
- Dice?
- Dico che sarebbe una buona idea chiamarla.
 In balia completa delle sue parole tanto che se glielo avesse chiesto si sarebbe pure evirato da solo, Jed chiamò. Il cellulare tuttavia squillava a vuoto senza che nessuna voce rispondesse dall’altro lato.
- Senta non mi risponde ed io sono comunque ormai deciso. Tanto con la mia ragazza neanche lo facevo più, segno evidente che a lei il sesso non interessava da tempo e da adesso neanche a me interesserà più.
L’anziano medico non tentò di replicare in alcun modo ai modi risoluti di Jed ,anzi decise di farlo ricoverare immediatamente per operarlo di lì a breve.

Qualche ora dopo Jed si risvegliò in un letto dentro uno stanzone bianco. Si sentiva strano nel basso inguine come se mancasse qualcosa. Vide intorno a sè altri giovani risvegliarsi come lui e guardarsi intorno spaesati.
- Ehi amico sei sveglio?
Una voce flebile lo stava chiamando alla sua destra.
- Sì- rispose Jed per poi voltarsi e vedere in faccia il suo vicino di letto.
- Anche tu ti sei fatto evirare?
- Sì. Tu?
- Anche io.
-Presumo che tutti quelli dentro questa stanza lo abbiano fatto o sbaglio?
- Non sbagli infatti. Vuoi sapere perché l’ho fatto?
Il silenzio di Jed persuase l’evirato a proseguire la sua spiegazione.
- Io personalmente l’ho fatto come prova d’amore per la mia fidanzata la quale mi ha detto che dovevo dargli una dimostrazione di essermi pentito dopo che mi aveva beccato a letto con un’altra.
Quella spiegazione, pur se non richiesta, rincuorò Jed. Allora non era il solo.
- Tu invece?
- Anche io per lo stesso esatto motivo.
- Bè allora tutto risolto anche tu. Immagino che dopo questo gesto ti avrà perdonato.
Colto da un’ inspiegabile inquietudine, Jed assentì impercettibilmente con il capo. Aspettò quindi qualche secondo.Il tempo di farsi vedere rilassato dal suo interlocutore che continuava a fissarlo in attesa che la loro conversazione proseguisse.
- Vuoi scusarmi un attimo? Devo fare una chiamata!- disse Jed.
- Ma ti pare – replicò l’evirato.
Compose quindi il numero della ragazza sulla tastiera del suo cellulare e attese. Anche adesso squillava a vuoto. Appoggiò allora la testa sul cuscino e chiuse gli occhi, simulando di dormire. Tentando di non farsi vedere, da sotto il lenzuolo prese a pigiare il tasto verde del suo telefonino, per fare nuovamente l’ultimo numero chiamato ad oltranza. Si addormentò così.

Passò un tempo indefinito, in cui a Jed parve sempre di sognare lo stesso suono. Una specie di melodia che si ripeteva all’infinito e che si avvicinava sempre di più. Aprì gli occhi e da lì capì che non stava sognando. Quella era una musica che lui aveva sentito centinaia di volte, somigliante alla suoneria di un telefonino. Un fitto cicaleccio di voci femminili si udì dietro la porta dello stanzone, facendolo destare del tutto. Subito dopo la porta si aprì, facendo entrare il medico eviratore che lo aveva operato, assieme ad un  nutrito gruppo di ragazze. Ognuna, chi piangendo, chi ridendo, si avvicinava al letto di qualche evirato.Tra queste, vi era anche la ragazza di Jed. Con gli occhi lucidi e commossi lei si avvicinò al suo letto, accompagnata dal chirurgo eviratore. Mentre si asciugava le lacrime con un fazzoletto, dolcemente prese a parlare:
- Tesoro ho visto che mi stavi chiamando ma non ti ho risposto per non farti sprecare la chiamata. Come stai?
- Bene – farfugliò Jed per poi chiedere timidamente – quindi hai saputo?
 - So tutto, che ti sei pentito e te lo sei tagliato per me, per non tradirmi più. Per questo ho deciso che ti perdono per tutte quelle volte che lo hai fatto.
Jed avrebbe voluto abbracciare la sua donna e ringraziarla per averlo perdonato ma tutto quello che gli uscì fu un sorriso idiota accompagnato da una valanga di grazie.
- Non devi ringraziarmi tesoro anche perché vorrei chiederti un piccolo favore!
- Qualunque cosa per te amore!
- Da ora in poi visto che tu non potrai più, mica ti dispiace se vado a letto con altri vero? Stai tranquillo sarà solo sesso, io amerò solo te.

domenica 11 dicembre 2011

L' Osservatore di culi

                                                                      L’osservatore di culi
                              Due punti di vista
Esistono svariati punti di vista attraverso cui si può osservare il mondo. Alcuni possono essere leciti, punti di vista di cui non vergognarsi, altri invece, decisamente illeciti, da tenere assolutamente nascosti. Nonostante la mia morbosa passione per il fondoschiena femminile, ho sempre pensato che  il mio punto di vista di sacerdote  fosse immacolato. E pensare che quando ero adolescente, sognavo che un giorno sarei divenuto fotografo visto il mio forte interesse per la fotografia. Ben presto, tuttavia,  mi resi conto che io in realtà ero solamente attratto dal posteriore delle donne e la macchinetta fotografica rappresentava solo un mezzo  per fotografarlo. Magari sarei potuto diventare  uno di quei fotografi che si aggira sui set dei film porno ma a me non interessava fotografare il sedere delle attrici hard. Amavo invece  ritrarre, di nascosto, quello delle ragazze normali, incontrate per strada. Di certo, quello non poteva diventare un lavoro motivo per cui a 20 anni, per fare contenti i miei, indefessi osservanti della religione cattolica, decisi di prendere i voti. Facendo questa scelta mi illusi che, col passare del tempo, sarei guarito dalla mia sconcia patologia e che mi sarei dedicato solamente a servire Dio ma così non fu. Essa, come un dolce tarlo continuava solleticarmi la mente soprattutto ora che quel genere di  foto mi era sempre più difficile farle. A  lungo mi sono tormentato per trovare una soluzione  finchè alla fine non sono giunto a questa conclusione:  se non potevo più scattarle io quelle foto, forse avrei potuto trovare qualcun altro che lo facesse per me. Dovevo mettere un annuncio ma non potevo chiaramente metterlo su Porta Portese.

Ho sempre sostenuto con poca convinzione il mio punto di vista. Anzi probabilmente non ne ho mai avuto uno fisso  visto che cambio molto spesso idea. Sono disoccupato, non sono ricco e nonostante questo non ho mai avuto voglia di fare un cazzo nella mia vita. Mai uno stimolo per migliorare la mia situazione. Dopo i miei disastrosi trascorsi scolastici, mi sono iscritto senza alcun entusiasmo ad un corso di laurea in filosofia, facoltà che ritenevo la meno peggio ed infatti non l’ho mai terminato. Per questo motivo, i miei genitori, giunti al loro limite massimo di sopportazione, per la mia inveterata  apatia o fancazzismo a seconda del  punto di vista,tanto per restare in tema, mi hanno intimato di andarmi a cercare un lavoro entro breve altrimenti mi avrebbero cacciato di casa. Non volendo un lavoro normale, quasi per scherzo ho deciso di rispondere via mail a quello strambo annuncio, scritto a penna, trovato sulla parete della toilet di un pub. Fotografo di  culi cercasi. No perditempo. Lauta ricompensa. Per info: . Ho scritto che, pur non avendo mai posseduto una macchinetta fotografica e quindi  abbia scattato raramente delle fotografie, ero comunque interessato al lavoro. Pensavo che non mi avrebbero mai risposto e invece così non è stato.

Dal tono della mail mi era piaciuto quel ragazzo, soprattutto  per la sua candida ammissione di non aver mai fatto foto. Difficile trovare persone oneste oggi. A vederlo dal vivo, invece, mi fa esattamente l’impressione opposta. Emaciato, con le occhiaia tipiche di chi abusa delle droghe, indossa una giacca sgualcita e al collo quella specie di sciarpa che adoperano i palestinesi. Dice che si chiama kefiah quando gli chiedo che cosa sia. Scommetto che è uno di quei facinorosi che vanno alle manifestazioni a tirare i sassi alla polizia e nominano il nome del Signore  invano. E poi è diffidente,in un certo senso altezzoso. Posso capirlo non gli sto certo offrendo un posto in banca ma è pur sempre un lavoro ben pagato.
" 10 euro ogni culo fotografato! 10 culi, 100 euri" esclamo per fare un certo effetto su di lui.Ed in effetti una certa impressione la desto ma non abbastanza perché lui continua a chiedermi che genere di foto debba fare, se debbano essere foto di nudo. Rispondo di no.
" Vorrei semplicemente che tu fotografassi, possibilmente senza farti scoprire, culi di ragazze normali, incontrate per strada."
Tiro fuori dalla giacca la mia macchinetta fotografica e gliela porgo.
" Farai le foto con questa! Ti pagherò quando deciderai di smettere e mi riconsegnerai la macchinetta. Nel frattempo manderai le foto scattate all’email che sai."

                        Primo giorno di scatti
                               (In centro)
Ho accettato, con titubanza lo ammetto ma ho accettato. Del resto devo fare pur qualcosa per guadagnare e non farmi cacciare di casa. Certo mi viene da sorridere a pensare a come potrei spiegare ai miei, senza fargli prendere un infarto, il genere di lavoro che faccio. Il Fotografo di culi. Mi vesto da turista e dato che non so esattamente come si veste un turista, mi illudo di somigliare ad uno di loro semplicemente perché porto al collo una macchinetta fotografica, poi mi reco in centro. Qui, dopo poco, mi accorgo che sarebbe stato meglio togliere il flash per non attirare troppo l’attenzione. Una formosa ragazza bionda mi scopre, infatti,  mentre immortalo il suo fondoschiena sull’obbiettivo. Per farla desistere dal suo irremovibile proposito di controllarmi la macchinetta e accertarsi che l’abbia effettivamente fotografata, devo ricorrere a non so quale arte magica. Per fortuna dopo un’po’ si stanca e mi pianta lì, fulminandomi con uno sguardo tra il disprezzo e la compassione. Proseguo il resto della giornata a scattare foto ma rinunciando ad adoperare il flash. Alla sera nella memory card conto 30 foto. Armandomi di infinita pazienza  le allego una alla volta alla mail e gliele invio.

                      Secondo giorno di scatti
                         (Al parco)
Mi ha risposto il mattino dopo. Rimproverandomi, proprio così rimproverandomi per non avere usato il flash. Le foto sono quasi tutte scure, mi ha scritto e quindi inservibili. Inservibili per cosa?Mi chiedo. Per fartici le seghe sopra? Comunque  anche questo lavoro non fa per me, ennesima dimostrazione del fatto che il lavoro in generale non fa per me. Decido, tuttavia, di riprovare un’altra volta. In un posto dove ci sia luce in abbondanza. Propendo per il parco. Ho sempre detestato l’attività sportiva, di qualsiasi genere essa sia, ancor di più quella praticata la domenica mattina dagli sportivi occasionali. Flaccidi personaggi in preda ai sensi di colpa per le loro scriteriate abitudini alimentari della settimana, si illudono di porvi rimedio, facendo finta di correre al parco quell’unico giorno a settimana. Purtroppo ho bisogno di un posto dove ci sia molta luce per evitare di adoperare il flash. Mi vesto quindi da runner questa domenica mattina. Un runner atipico, provvisto di macchinetta fotografica che siede su una panchina ai lati del percorso per i corridori. Esiste la parola seater per definire chi siede? Di buona lena e rischiando un’insolazione, comincio a fotografare culi di donne che corrono. Decido di smettere nel momento in cui un pastore tedesco si avventa su di me, quasi sbranandomi, infastidito dal rumore dello scatto. Alla sera nella memory card conto 25 foto. Mando la consueta email, allegando le foto e attendendo la sua risposta.

               Terzo ed ultimo giorno di scatti
Non devo necessariamente vestirmi da puttana per andare a fotografarle. Dal tono della sua mail di risposta, questo pare proprio che sarà il mio ultimo giorno di lavoro e che verrò licenziato, cosa che accade molto spesso quando decido di mettermi a lavorare. Comunque non è che me ne freghi mai molto quando capita per i lavori normali, figuriamoci per questo. Per il mio ultimo giorno di scatti, decido di fare la cosa meno rischiosa per scegliere i miei culi: il puttantour. Non saranno culi di ragazze normali ma tanto uno vale l’altro. Girovago una notte intera nei posti dove so di trovarle e scatto. Scatto come un forsennato, utilizzando anche il flash e per questo facendo fuggire alcune e incazzare altre. All’alba conto 200 foto nella memory card. 2000 euro, penso. La mia liquidazione per questo lavoro di merda. Gli scrivo via mail dell’ingente bottino che sta per ricevere, per fargli venire l’aquolina in bocca  e  soprattutto per dargli il tempo di raccogliere i soldi che mi deve. All’ora di pranzo leggo la sua risposta e il luogo dell’appuntamento.
Esistono svariati punti di vista attraverso cui si può osservare  il mondo, alcuni possono essere scomodi, punti da cui si vede male, da altri invece si vede talmente bene da riuscire addirittura a leggere nel cuore delle persone. Dall’altare della chiesa, per esempio, quando officio la messa, ho l’opportunità di avere una visuale sul mondo oltremodo privilegiata. Nel momento in cui recito la predica, rimango sempre affascinato dalle facce dei fedeli. Li vedo che pendono dalle mie labbra. Sento che potrei raccontargli qualsiasi frottola e loro mi crederebbero sulla parola. Ho dato l’appuntamento a quel ragazzo proprio qui, e lui arriva esattamente nel momento in cui sto per finire di celebrare la sacra funzione. Lo vedo che avanza, esitante verso i primi banchi dove sono assiepati i parrocchiani più affezionati, quelli  che non mancano mai. Questo non se lo aspettava davvero. Chissà cosa pensa di me? Un prete con il vizio di fare foto sconce. Magari crede di sputtanarmi davanti a tutti? Ma nel tempio di Dio chissà se vale più la sua parola della mia? Lo guardo, lui mi guarda, ha l’espressione sbigottita di chi è rimasto davvero colpito. Per un attimo resto in silenzio, poi, come se stessi declamando un nuovo episodio del vangelo, comincio a parlare.
" Nel tempio di Dio, quest’oggi è venuto a trovarci un ladro. La settimana scorsa, come ben sapete qualcuno si è introdotto nella sagrestia, rubando tra le altre cose la mia preziosa macchinetta fotografica. Ma nostro Signore è così misericordioso da convincere chi ruba, a pentirsi subito dopo."
Tutti mi osservano, sono a conoscenza del furto e della mia grande passione per la fotografia. Ignorano ovviamente quali siano i soggetti da me prediletti ad essere fotografati. Cominciano a scrutarsi tra loro cercando di capire a chi mi stia riferendo. Basta poco perché i loro occhi si concentrino sull’ultimo arrivato. Emaciato, con le occhiaia tipiche di chi abusa delle droghe, indossa una giacca sgualcita e al collo quella specie di sciarpa che adoperano i palestinesi. Probabilmente sarà  uno di quei facinorosi che vanno alle manifestazioni a tirare i sassi alla polizia e nominano il nome del Signore  invano.
"Non avere timore ragazzo vieni avanti.Lo so che sei venuto a riportarmi la macchinetta fotografica."

sabato 10 dicembre 2011

The Ass Watcher

The Ass Watcher

Two Points of view

There are several points of view through which world can be observed. Some may be legitimate, views you don’t have to be ashamed of,others definetely illegal, to keep absolutely  hidden. Despite my obsessive passion for the female back, I’ve always thought that my point of view as a priest was immaculate. And just imagine that when I was a teenager, I dreamed that one day I would become a photographer since my strong interest in photography. Soon, however, I realized that I was actually only attracted by women’s  back and the camera was only a means to picture it. Maybe I could have become one of those photographers who is around on the sets of hard-core movies but I was not interested in photographing hard-core actresses’ ass. I loved to portray on the other hand, in secret, that of normal girls, those you meet in the street everyday. Of course, that could not become a real job, therefore at 20 years, to please my parents,who were faithfull observers of the Catholic religion, I decided to take the vows. By making this choice I hoped, over time, I would recover from my disease and that filthy I would dedicate myself only to serve God but I did not. Like a gentle worm it continued to tickle my mind especially now that that kind of picture was increasingly difficult to make. For a long time I tormented myself to find a solution until finally I came to this conclusion: If I could no longer take those pictures myself, maybe I could find someone else to do it for me. I had to put an ad somewhere but certainly not on a newspaper.

I've always maintained, without conviction, my point of view. Or,rather I've probably never had a fixed idea,given the fact that I change it very often. I'm unemployed, I am not rich and yet I never had any desire to do a shit in my life. Never an incentive to improve my situation. After my disastrous school results I enroled without any enthusiasm to a degree in philosophy, I thought it the least worst option and in fact I never finished. For this reason, my parents, reached their limit of endurance, for my deep-rooted apathy or loser,  depending on your point of view, just to stay in theme, I was told to go and find a job straightway or I would be turned out of the house. Not wanting a normal job, almost as a joke, I decided to respond by mail to the wacky proclamation, written in ink, found on the wall of a pub toilet. Ass Photographer Wanted. No time wasters. Big reward. For info: I wrote that,although I had never own a camera and had rarely taken pictures,  I was still interested in the job. I thought I would have never been responded and instead I was.
The meeting

From the tone of the email I liked that guy, especially for his candid admission that he had never made photos. Hard to find honest people today. Seeing him live, however, I have exactly the opposite impression. Emaciated, hollow-eyed typical abuser of drugs, wearing a rumpled jacket and the same scarf you usually see on the Palestinians. He says it’s called keffiyeh when I ask him what it is. I bet he's one of those troublemakers who go to events to throw stones at police and appoint the Lord's name in vain. And he’s suspicious, in a way snobbish. I can understand him, after all I’m not  offering a job at the bank but it is still a well paid job.
"10 euros for each photographed ass! 10 asses, 100-Euri"i said to do some effect on him.
 In fact,I awake an impression but not enough because he keeps asking me what kind of photo should he take,  whether they should be nude photos.I Answer no.
" I’d just like you take photos, if possible without being discovered, normal girls’buttocks you meet in the street."
 Pulling out my camera from my jacket I handed it to him.

" You will take photos with this! I will pay you when you decide to stop and return the camera. In the meantime you will send the pictures to the email that you know."

        First day of shots

I have accepted, undecided I confess, but I accepted. After all, I must do something to earn a living and not find myself out in the street. Sure it makes me smile to think how I could explain that to my folks, without making them get a heart attack, the kind of work I do. The Ass photographer. I dress up as a tourist and because I do not know exactly what a tourist wears, I flatter myself to look like one of them just because I’m  wearing a camera around my neck, then I go downtown. Here, after a while, I realize that it would be better to remove the flash to avoid attracting too much attention. A buxom blonde girl, in fact,caught me while I’m immortalizing his lower back on my camera .To make it desist from her adamant intention about controlling the camera and to make sure that it has actually shot, I have to resort to some kind of magic. Fortunately, she gets tired and she fixes me there, staring at me with contempt and pity. I continue the rest of the day taking pictures, but giving up using the flash. In the evening the memory card accounts 30 photos.With endless patience I attach them on one at a time and email them.

          Second day of shooting
         (The park)

He answered the next morning. Rebuking, rebuking me for not having used the flash. The pictures are almost all dark,he wrote, and then useless. Useless for what? I wonder. To have a wank? However, even this work is not for me, yet another demonstration of the fact that the work in general is not for me. I decided, however,to try once more. In a place where there is abundant light. I tend for the park. I’ve always hated sports, whatever it is, even more the one practiced on a Sunday morning by occasional runners. Overweight characters in the grip of guilt for their reckless eating habits of the week, they fool themselves trying to find relief, they pretend to run in the park on that only day a week. Unfortunately I need a place where there is plenty of light to avoid using the flash. I dress up like a runner on this Sunday morning. An atypical runner equipped with a  camera, who sits on a bench on either side of the trail for runners. Is there a word like seater to define who sits? At a good pace and risking a sunstroke, I start taking pictures of women’ s bottoms running. I decide to stop when a German shepherd dog pounced on me, almost tearing, annoyed by the noise of the shot. In the evening the memory card accounts 25 photos. I send the usual email, attach photos and wait for his answer.

                Third and final day of shooting

I don’t  have to dress like a whore to go among them for shooting. From the tone of his email response, it looks like this will be my last day at work and that I will be fired, which happens very often when I decide to go to work. However it's not that I care much when it happens to regular jobs, it’s out of the question. For my last day of shooting, I decide to make it less risky in choosing my buttocks: the whoretour. It  will not be normal women’s bottoms but the one is as good as the other. Wandering all night in the places where I can find them and snap Shooting like a madman, using the flash and thus making some run away and annoy others.At dawn 200 photos on the memory card. 2000 euros, I think. My payment for this crap job. I email to let him know about the big loot he is going to receive, to make his mouth watering and to give him time to collect the money he owes me. At lunch time I read his answer and the meeting place.

  The appointment

There are several points of view through which one can observe the world, some may be uncomfortable, points from which we can’t see well, others  are seen so well through that you are even being able to read people's hearts. From the altar of the church, for example, when making office, I have the opportunity to have a very privileged view of the world. At a time when I recite the sermon, I am always fascinated by the faces of the faithful. I see them hanging from my lips. I feel I could tell them any lie and I believe on their word. I gave the appointment to that boy right here, and he arrives exactly when I'm about to finish celebrating the sacred mass. I see him advancing, hesitantly toward the crowded pews, where the loyal parishioners sit, the ones that never fail.He really did not expect this. Who knows what he will think of me? A priest with a habit of making indecent photos. Maybe he believes to shame myself in front of everyone? But in the temple of God, who knows if his word is worth more than mine? I look at him, he looks at me, he startled like one who is really impressed. I keep for a moment in silence, then, as if reciting a new episode of the gospel,I began to speak.
" In the temple of God, today has came to see us a thief. Last week, as you know, someone broke into the sacristy, among other things stealing my precious camera. But our Lord is so merciful to convince those who steal, to repent immediately after."

Everybody looks at me,they are aware of the theft and my passion for photography. Of course,they ignore what are my favourite subjects to be photographed. They begin to scrutinize each other trying to figure out who I am referring to. It doesn’t take long their eyes focus on the last arrived. Emaciated, hollow-eyed typical abuser of drugs, wearing a rumpled jacket and a scarf Palestinians usually wear. He will probably be one of those troublemakers who go to events and throw stones at police and appoint the Lord's name in vain.
 "Do not be scared son,come.I know you have come to return the camera